Bacu Padente

CANYONING IDEALE PER ESPERTI

CANYONING GIORNALIERO

TEMPO DI PERCORRENZA:

7 ore

INFORMAZIONI:

 Discesa in corda più alta: 30 metri

 Equipaggiamento: fornito da noi

 Esperienza tecnica richiesta: esperienza in canyoning, arrampicata o alpinismo

 Cosa dovete portare voi: cambio di vestiti, scarpe/scarponi da montagna, abbigliamento tecnico e zaino

 Costo: con un gruppo minimo di 6 partecipanti 60€ a persona, compreso l'equipaggiamento tecnico 

Bacu Padente (termine sardo con cui si identifica una foresta o un bosco)  è un profondo canyon calcare che parte dal cuore dell’Ogliastra, nell’altipiano del Golgo, e raggiunge il mare color smeraldo del Golfo di Orosei.

Dalla Piana del Golgo si prende la grande sterrata che aggira la piccola chiesa campestre di San Pietro e che conduce, in circa 20 minuti, alla località Ololbissi. Dalla medesima zona in cui inizia il sentiero che conduce a Cala Biriala, parte il sentiero che introduce a Bacu Padente.

Cominciata la discesa verso il mare, raggiungiamo velocemente l’inizio del canyon. Qui, invece di addentrarci, rimaniamo sulla destra orografica e percorriamo le pareti calcaree che via via si fanno sempre più imponente. Le falesie si restringono sempre di più sino a portarci alla parte finale che ci obbliga ad affrontare tre calate di 30, 20 e 30 metri in quest’ordine.

Il panorama attorno a noi è sicuramente suggestivo: ci affacciamo sulla costa famosa per il suo mare smeraldino, le sue falesie e le sue cale attoriate da un territorio aspro e selvaggio. Con l’ultimo salto di 30 metri raggiungiamo il cuore di Bacu Padente e ci prepariamo per l’attraversamento molto emozionante di una grotta che ci permettertà di sbucare e affaciarci sul mare.

Da qui si susseguono tre piccole calate di 10 metri ciascuna che ci portano verso l’ultimo e spettacolare salto. Durante la discesa incroceremo il sentiero del Selvaggio Blu: un trekking di cinque giorni che ha raggiunto oramai fama mondiale e permette di attraversare tutto il Golfo di Orosei dormendo in ovile ed in bivacchi spettacolari.

Tornando alla nostra ultima calata, sarà possibile scegliere tra due armi. Il primo è un grosso ginepro facilmente individuabile, il secondo un armo su parete rocciosa. Il primo porterà direttamente sulla scogliera (facendo molta attenzione ad terminare la calata sulla prima cengia rocciosa e non scendere troppo), il secondo porterà ad una piccola grotta vicinissima al mare. Entrambe le calate sono molto suggestive.

Una volta terminata la calata ci dirigeremo verso nord per poi risalire la sinistra orografica di Bacu Padente. Andremo nuovamente a intersecare il sentiero del Selvaggio Blu e durante la risalita godremo di una panorama meraviglioso sulle prime tre calate che abbiamo affrontato all’inizio del nostro percorso.

Su di noi

Thinking Sardinia è stata fondata da Stefano Meloni, Guida Ambientale Escursionistica e Turistica.

L'associazione è formata da guide professioniste che si sono qualificate nei diversi rami di 'turismo attivo'. Dopo il sito principale di Thinking Sardinia vengono a nascere portali che sviluppano ogni singola specializzazione maturata con l'esperienza. Siamo così in grado di offrirvi una vasta gamma di avventure disseminate in tutto il territorio sardo.

I nostri contatti

 SardiniaTrekking.it

 Olbia, Murta Maria

 Via dei Gelsi

 +39 333.68.98.146

 thinkingsardinia@gmail.com

 Disponibili tutto l'anno